Libera Libido
Ciao, per poter partecipare attivamente alle discussioni, devi essere registrata.
La registrazione è gratuita!
Dopo la registrazione ti invito a presentarti nell'apposita sezione "un po' di noi" prima di rispondere alle discussioni o aprirne di nuove.
Saremo liete di accoglierti nella nostra comunità!

Afrodisiaci nalla storia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Afrodisiaci nalla storia

Messaggio Da Stefy (Bauby) il Mar Mar 20, 2012 8:55 pm

Tratto da "taccuinistorici.it":

Il termine afrodisiaco deriva dal nome della dea greca Afrodite, identificata dai romani come Venere, che nella mitologia era protettrice d’amore, bellezza, sessualità e lussuria.
Tra le tradizioni che descrivono la sua nascita citiamo le due principali:
-una attestata nell’Iliade di Omero, che la vorrebbe figlia di Zeus e di Dione;
-l’altra tramandata da Esiodo, che la indicherebbe nata dalla schiuma (gr. aphrós) formatasi dai testicoli di Urano recisi dal figlio minore Crono, istigato dalla madre Gaia stanca di dover generare una numerosissima prole.
Afrodite, spesso caratterizzata come vanitosa, stizzosa, permalosa, era moglie infedele di Efesto, dio del fuoco. In alcune città greche la bellissima dea aveva una festa a lei dedicata, e i rapporti sessuali con le sue sacerdotesse erano considerati un modo per adorarla.
Celebrata nella letteratura e nelle arti di tutti i secoli, le sue vicende sono state oggetto di numerose raffigurazioni vascolari, musive, pittoriche e scultoree a partire dal VII sec. a.C.
Ritratta spesso assieme a mare, delfini, colombe, cigni, melograni, mele, mirto, rose e limoni, nelle prime opere è illustrata alta, lussuosamente vestita, con uno specchio in mano, poi a partire dal IV sec. d.C. si presenta nuda o seminuda.
Nelle società Greca, Etrusca e Romana si credeva fermamente per motivi magici, religiosi o terapeutici, all’intima connessione tra tavola e letto.
I popoli dell’antichità ricorrevano a molte sostanze ed alimenti più o meno efficaci, sia per gli uomini che per le donne, atte a stimolare e potenziare sessualità, eccitazione amorosa, nonché fertilità e gravidanza. Secondo la magia erano afrodisiaci anche i genitali d’animali e i cibi che nella forma rassomigliando a falli o testicoli.
Durante il Medioevo la categoria degli stimolanti erotici si arricchì sopratutto delle spezie.
Dopo la scoperta dell’America, dal XVII sec. si iniziò ad attribuire anche a pomodori, patate, peperoncini e soprattutto al cacao, una valenza afrodisiaca.
La medicina Settecentesca giudicò stimolanti i tonici (alcol, corteccia di chiana, assenzio), tutti i cibi piccanti e le spezie dall’odore intenso come noce moscata, cannella o vaniglia.
Nell’Ottocento s’iniziò a considerare afrodisiaci anche i cibi ricchi di fosforo quali uova, pesce e formaggi.
Infine, secondo la medicina contemporanea potrebbero svolgere funzione afrodisiaca alimenti e spezie contenenti: sedativi (vino ed alcolici), ormoni (ginseng), neuromodulatori (cacao e fave), vasodilatatori (aglio), irritanti e congestionanti (pepe).



----------------------------- Wink



Accipicchia.......qualsiasi cosa era considerata afrodisiaco.... Manca solo na scodella di latte e miele!!!!! rido di gusto

_________________
Il benessere sessuale è parte integrante della salute psicofisica!
avatar
Stefy (Bauby)
Admin

Messaggi : 771
Data d'iscrizione : 02.11.11
Località : Colline del Monferrato

Vedi il profilo dell'utente http://liberalibido.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Afrodisiaci nalla storia

Messaggio Da stefybonsai il Ven Apr 06, 2012 12:27 pm

Bauby ha scritto:Tratto da "taccuinistorici.it":

Il termine afrodisiaco deriva dal nome della dea greca Afrodite, identificata dai romani come Venere, che nella mitologia era protettrice d’amore, bellezza, sessualità e lussuria.
Tra le tradizioni che descrivono la sua nascita citiamo le due principali:
-una attestata nell’Iliade di Omero, che la vorrebbe figlia di Zeus e di Dione;
-l’altra tramandata da Esiodo, che la indicherebbe nata dalla schiuma (gr. aphrós) formatasi dai testicoli di Urano recisi dal figlio minore Crono, istigato dalla madre Gaia stanca di dover generare una numerosissima prole.
Afrodite, spesso caratterizzata come vanitosa, stizzosa, permalosa, era moglie infedele di Efesto, dio del fuoco. In alcune città greche la bellissima dea aveva una festa a lei dedicata, e i rapporti sessuali con le sue sacerdotesse erano considerati un modo per adorarla.
Celebrata nella letteratura e nelle arti di tutti i secoli, le sue vicende sono state oggetto di numerose raffigurazioni vascolari, musive, pittoriche e scultoree a partire dal VII sec. a.C.
Ritratta spesso assieme a mare, delfini, colombe, cigni, melograni, mele, mirto, rose e limoni, nelle prime opere è illustrata alta, lussuosamente vestita, con uno specchio in mano, poi a partire dal IV sec. d.C. si presenta nuda o seminuda.
Nelle società Greca, Etrusca e Romana si credeva fermamente per motivi magici, religiosi o terapeutici, all’intima connessione tra tavola e letto.
I popoli dell’antichità ricorrevano a molte sostanze ed alimenti più o meno efficaci, sia per gli uomini che per le donne, atte a stimolare e potenziare sessualità, eccitazione amorosa, nonché fertilità e gravidanza. Secondo la magia erano afrodisiaci anche i genitali d’animali e i cibi che nella forma rassomigliando a falli o testicoli.
Durante il Medioevo la categoria degli stimolanti erotici si arricchì sopratutto delle spezie.
Dopo la scoperta dell’America, dal XVII sec. si iniziò ad attribuire anche a pomodori, patate, peperoncini e soprattutto al cacao, una valenza afrodisiaca.
La medicina Settecentesca giudicò stimolanti i tonici (alcol, corteccia di chiana, assenzio), tutti i cibi piccanti e le spezie dall’odore intenso come noce moscata, cannella o vaniglia.
Nell’Ottocento s’iniziò a considerare afrodisiaci anche i cibi ricchi di fosforo quali uova, pesce e formaggi.
Infine, secondo la medicina contemporanea potrebbero svolgere funzione afrodisiaca alimenti e spezie contenenti: sedativi (vino ed alcolici), ormoni (ginseng), neuromodulatori (cacao e fave), vasodilatatori (aglio), irritanti e congestionanti (pepe).



----------------------------- Wink



Accipicchia.......qualsiasi cosa era considerata afrodisiaco.... Manca solo na scodella di latte e miele!!!!! rido di gusto


a me è successo col cardamomo, mi fa uno strano effetto... una felicità cosmica una cosa assurda... ad una cena indiana mi sono messa a ridere così di botto, ma giuro nn ero matta solo molto felice hihihi
'na figura Razz

stessa cosa è successa ad una conoscente col cioccolato Very Happy

ed ho trovato di molto aiuto il peperoncino con il mio ragazzo... niente male pig hihihihi
avatar
stefybonsai

Messaggi : 127
Data d'iscrizione : 05.11.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Afrodisiaci nalla storia

Messaggio Da Stefy (Bauby) il Ven Apr 06, 2012 6:20 pm

Domani corro a comperare il cardamomo.... lol!

_________________
Il benessere sessuale è parte integrante della salute psicofisica!
avatar
Stefy (Bauby)
Admin

Messaggi : 771
Data d'iscrizione : 02.11.11
Località : Colline del Monferrato

Vedi il profilo dell'utente http://liberalibido.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Afrodisiaci nalla storia

Messaggio Da stefybonsai il Lun Apr 09, 2012 7:20 pm

Bauby ha scritto:Domani corro a comperare il cardamomo.... lol!

ahahah, fammi sapere se ti fa lo stesso effetto allora hihihi cat
avatar
stefybonsai

Messaggi : 127
Data d'iscrizione : 05.11.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Afrodisiaci nalla storia

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum